Cerca
Close this search box.

Colombe in Palestina

È una notte strana. Una notte buia. Una notte in cui non riesco a dormire. Nella mia mente, infatti, arrivano le immagini della guerra. Di quale guerra poi? Ce ne sono così tante! Comunque, le immagini che mi arrivano sono del conflitto in Palestina, nella Striscia di Gaza.

Ecco, io non sono un esperto di queste cose di geopolitica, però sento il dovere morale di condividere due prospettive, due visioni, due riflessioni.

La prima è questa e riguarda la composizione del campo di battaglia. In ogni grande guerra tutte le guerre vengono raccontate così: ci sono due fronti opposti e c’è la linea del fronte che divide la popolazione A dalla popolazione B. La guerra è tra A contro B, B contro A. C’è il fronte A e il B e tu devi scegliere da quale parte stare. Tra A e B devi eleggere chi sono i buoni, chi sono i cattivi, e parteggiare per i buoni. È una narrazione antichissima, una narrazione ripresa innumerevoli volte, una narrazione scontata.

Però, a ben vedere, più ti avvicini, più la osservi questa narrazione, e le sue certezze granitiche si sfaldano. La prima volta che questo mi accadde fu diversi anni fa, il giorno in cui persi la mia verginità in ambito sociale e politico, geopolitico, diremmo. Anno 2000, Genova, G8. Per chi se lo ricorda, c’era a Genova la riunione delle 8 grandi potenze mondiali, contrastate all’epoca da un movimento che si chiamava No Global. Quindi anche lì il campo di battaglia era chiaro: c’era il fronte che divideva il G8 dai No Global. G8 di qua, No Global di là.

Bene, cosa è successo? È successo che un bel giorno – o un brutto giorno – arrivarono all’interno del fronte No Global i Black Block, la frangia più violenta, questi uomini vestiti di nero che misero a ferro e fuoco la città. Ecco, io fui sconvolto. Due volte, la prima, subito, inizialmente, quando vidi quelle immagini, quella violenza e la seconda quando un pensiero si insinuò nella mia mente. I Black Block avevano oscurato, con il loro gesti violenti tutte le istanze di protesta dei No Global. Nei media nazionali non si parlava più delle motivazioni dei No Global, ma semplicemente della violenza dei Black Block.

E fu allora che questo pensiero mi arrivò. Sempre più chiaro. I Black Block erano in qualche modo i migliori alleati del G8. E questo pensiero frantumò la predisposizione e la composizione del campo di battaglia, come fino ad allora mi era stato narrato: c’è un fronte, un attore di qua e un attore di là. No, perché i Black Block erano sì dentro il fronte No Global, ma di fatto erano in qualche modo o furono in qualche modo i migliori alleati del G8.

Fu allora che iniziò a formarsi nella mia mente una diversa disposizione del campo di battaglia… (ascolta il seguito guardando il video)

•  •  •

Condividi:

Picture of Claudio Tomaello

Claudio Tomaello

Autore e Narratore teatrale, Custode di Storie.
Cerco il senso delle cose e amo esplorare i territori che ci abitano. In questa ricerca mi avvalgo delle Fiabe, che sono vere e proprie mappe della nostra interiorità.
Negli anni molte storie sono venute a trovarmi e io ne condivido i tesori in in spettacoli di narrazione teatrale e in seminari per la crescita personale e spirituale in cui utilizza le chiavi degli archetipi, della Scienza dello Spirito e della Psicosintesi per gettare una nuova luce sulle dinamiche interiori e sugli avvenimenti del presente.
Per conoscere le mie diverse attività e prodotti, puoi guardare:
- il mio sito: https://claudiotomaellonarratore.com
- la mia pagina Facebook Claudio Tomaello Narratore https://facebook.com/claudiotomaellonarratore
- il mio canale YouTube Claudio Tomaello. https://youtube.com/@ClaudioTomaello74

Sottoscrivi
Notificami
guest
2 Commenti
Meno recenti
Più recenti Più votati
Inline Feedback
Vedi tutti i commenti
Norma Leaso
Norma Leaso
7 mesi fa

Sono stata rapita nell’ascoltarla. Rapita dalla sua calma. Dall’intensità con cui esprime i suoi pensieri. E la rappresentazione che ha descritto mi ha dato, per la prima volta da quando è iniziato questo conflitto, speranza per quella terra. Ha saputo elevare il mio spirito, capacità che di questi tempi è assolutamente rara. Ritengo lei, quindi, un dono del Cielo. 
Bellissima l’immagine delle aquile che con le loro ali spazzano sì la terra ma, allo stesso tempo, fugano le tenebre che avvolgono questa terra martoriata di Palestina (e non solo). E dietro di loro le colombe. Un enorme stormo di colombe bianche che entrano anche dentro di noi, portano speranza e quella pace di cui abbiamo tanto bisogno. Mi piace pensare che quell’immagine che lei ha avuto sia in realtà una profezia di un futuro migliore. Grazie di cuore.

Claudio Tomaello
Claudio Tomaello
3 mesi fa
Rispondi  Norma Leaso

Grazie a lei, Norma, per l’apprezzamento!

Articoli Correlati

Language

La Casa del Social Journalism

Contatti

Scrivi o invia un comunicato stampa alla redazione

Newsletter

Resta aggiornato ogni settimana sui nostri ultimi articoli e sulle notizie dal nostro circuito.