Cerca
Close this search box.

NPL – Crediti deteriorati. Le proposte di Fratelli d’Italia

Tra le proposte di legge depositate in Parlamento per regolamentare il problema dei crediti deteriorati, vi sono quelle di Fratelli d’Italia che già si erano attivati nella precedente legislatura.

Sul tema abbiamo intervistato il Sen. Salvatore Sallemi, Vice Presidente del gruppo di Fratelli d’Italia al Senato, promotore di una delle proposte di legge per regolamentare il settore degli NPL.

Guarda la videointervista al Sen. Salvatore Sallemi

“Bisogna trovare un corretto equilibrio tra sistema delle imprese, cittadini e sistema del credito, affinché le crisi si possano ricomporre in maniera più rapida, – afferma il Senatore – un equilibrio nel quale trovi spazio una regolamentazione sull’equa valutazione di un immobile messo all’asta”.

A tal proposito è stata presentata, sempre dal Sen. Sallemi, un’altra iniziativa di legge che prevede Modifiche all’articolo 568 del codice di procedura civile, in materia di determinazione del valore dell’immobile espropriato affinché un immobile del valore, per esempio, di 300 mila euro, non possa essere venduto a 40 mila, facendo in modo che l’esecutato perda la casa e rimanga con i debiti.

E allora, se tutti siamo consapevoli di questi problemi e dell’urgenza nel porvi rimedio, perché non si fanno dei provvedimenti urgenti?

Si potrebbe anche fare una decretazione di urgenza, ma sarebbe meglio non farlo per non ridurre la funzione del parlamento e delle commissioni parlamentari, anche se ci sarebbe la disponibilità a procedere in tal senso.

Il tema oggi è che il sistema consente alle cosiddette società veicolo (SPV) che sono comunque contigue alle banche, di acquistare un debito ad 1 euro permettendo che accada poi che le società di recupero inizino a stalkerizzare il debitore, il quale si trova a pagare il debito ad un prezzo molto alto facendo riguadagnare al sistema creditizio quello che aveva perso all’inizio.

Quali sono gli obiettivi di queste proposte di legge ?

Innanzitutto limitare il guadagno delle banche, che non potrebbero più realizzare guadagni sproporzionati rispetto al prezzo di acquisto del credito, ponendo un tetto al guadagno non eccedente il 20% del prezzo di acquisto.

“Non è ancora la soluzione ideale ma è sicuramente un punto di partenza”, afferma il Senatore Sallemi.

Anche sul tema della montagna di crediti vantati dall’Agenzia Entrate e Riscossioni, che secondo il Direttore dell’Agenzia non sono riscuotibili per una percentuale superiore al 10%, ci potrebbe essere un intervento. Un’ipotesi di riduzione proporzionale del debito per permettere di tirare una linea e di far riprendere l’economia reale potrebbe trovare la convergenza della maggioranza delle forze politiche, anche se bisogna fare i conti con il MEF.

Azzerare tutto e ripartire sarebbe un’ottima soluzione, è un tema da affrontare ma non è questa la fase storica, non almeno nei prossimi uno/due anni, perché ci sono i vincoli posti dall’Europa.

Un’intervista molto interessante, con un linguaggio comprensibile, che troppo spesso la politica non riesce a utilizzare. Da ascoltare per comprendere cosa ci aspetta.

•  •  •

Condividi:

Picture of Giacinto Cimolai

Giacinto Cimolai

Friulano. Fondatore del progetto sociale che fa riferimento all’associazione Comunità Etica.
Dal 2017 si dedica alla promozione e allo sviluppo di questo progetto, promuovendolo in Italia e all’estero.
Fondatore e responsabile del progetto di Tutela Legale Etica che si propone di difendere tutti coloro che sono afflitti dal Debito.
Presidente di ConfimpresaItalia-Friuli
Presidente della Cooperativa OPES.
Presidente Regionale per il Friuli Venezia Giulia dell’associazione di promozione sociale A.N.A.S.
Nel 2022 fonda la testata giornalistica CambiaMenti, di cui è direttore editoriale.
Ha pubblicato quattro libri

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Meno recenti
Più recenti Più votati
Inline Feedback
Vedi tutti i commenti

Articoli Correlati

Language

La Casa del Social Journalism

Contatti

Scrivi o invia un comunicato stampa alla redazione

Newsletter

Resta aggiornato ogni settimana sui nostri ultimi articoli e sulle notizie dal nostro circuito.