Cerca
Close this search box.

L’UE implementa la ‘legge sui servizi digitali’ in un nuovo passo verso la regolamentazione delle piattaforme online

Il 25 agosto è entrato ufficialmente in vigore il “Digital Services Act” (DSA) e il suo complementare “Digital Markets Act” (DMA). La Commissione europea ha espresso una chiara preoccupazione per il pieno sviluppo del mercato interno, il che si è tradotto nei primi impatti tangibili: una maggiore regolamentazione dei social media e dei servizi di messaggistica al fine di mitigare i contenuti ritenuti sgradevoli alle opinioni generali. Queste misure si inseriscono in un contesto in cui era già avvenuta la censura di Russia Today e Sputnik, suscitando dibattiti sull’evoluzione di un sistema che alcuni temono possa virare verso un orientamento totalitario di tipo europeo.

È importante considerare i punti chiave di entrambi gli atti normativi, il DSA e il DMA, per comprendere appieno l’effetto che avranno. Per approfondire questi aspetti è consigliabile fare riferimento direttamente ai documenti emessi dalla Commissione europea, che sono citati qui sotto. Invito i lettori a leggere autonomamente tali documenti per ottenere una prospettiva completa sulle implicazioni e le intenzioni di queste regolamentazioni.

  • Regolamento (UE) 2022/2065 del Parlamento europeo e del Consiglio, datato 19 ottobre 2022, riguardante l’istituzione di un mercato unico per i servizi digitali e le modifiche apportate alla direttiva 2000/31/CE (“Regolamento sui Servizi Digitali”).
  • Regolamento (UE) 2022/1925 del Parlamento europeo e del Consiglio, datato 14 settembre 2022, concernente la promozione di mercati digitali concorrenziali ed equi e le revisioni apportate alle direttive (UE) 2019/1937 e (UE2020/1828 (“legge sui mercati digitali”)

Vorrei sottolineare, inoltre, che questi regolamenti hanno rilevanza nello Spazio Economico Europeo (SEE), quindi sono altrettanto significativi per gli Stati che non fanno parte dell’Unione Europea, come la Svizzera, l’Islanda e la Norvegia.

“La sicurezza al primo posto” come principio guida della Commissione Europea.

Innanzitutto, osserviamo qual è il punto di vista di “Bruxelles” riguardo a queste significative trasformazioni:

La legge sui servizi digitali e la legge sui mercati digitali mirano a creare uno spazio digitale più sicuro, in cui i diritti fondamentali degli utenti sono tutelati, e a stabilire condizioni di parità per le imprese.

Le norme stabilite nella legge sui servizi digitali riguardano principalmente gli intermediari e le piattaforme online. Ad esempio, i mercati online, i social network, le piattaforme di condivisione di contenuti, gli app store e le piattaforme di viaggi e alloggi online.

Il Digital Markets Act contiene regole per le piattaforme online gatekeeper. Le piattaforme gatekeeper sono piattaforme digitali con un ruolo sistemico nel mercato interno, che fungono da punto di controllo tra le imprese e i consumatori per i principali servizi digitali.

In altri termini, ciò si traduce nel modo seguente:

Nonostante una serie di misure settoriali mirate a livello dell’UE, all’inizio degli anni 2020 persistono lacune e oneri giuridici significativi. Ad esempio, alcune grandi piattaforme controllano importanti ecosistemi nell’economia digitale. Emergono come guardiani nei mercati digitali, con il potere di agire come governanti privati. Queste norme talvolta conducono condizioni uniche per le aziende che utilizzano tali piattaforme e minori opzioni per i consumatori.

DSA e DMA: come l’UE regola le piattaforme online e il flusso di informazioni

Dal 25 agosto 2023, tutte le “Very Large Online Platforms” (VLOP) devono adeguarsi alla legge sui servizi digitali (DSA) dell’UE. Tra le numerose disposizioni, il DSA impone loro di rimuovere tempestivamente dalle loro piattaforme i contenuti illegali, l’incitamento all’odio e la cosiddetta disinformazione. L’eventuale inadempienza a tali obblighi espone al rischio di sanzioni fino al 6% del loro fatturato globale annuo.

Finora, la Commissione europea ha stilato un elenco di 19 VLOP e VLOSE (Very Large Online Search Engines), per lo più con sede negli Stati Uniti, che sono tenute ad adeguarsi al DSA entro 50 giorni: VLOP: Alibaba AliExpress; Amazon Shop; Apple App Store; Booking.com; Facebook; Google Play/Maps/Store; Instagram; LinkedIn; Pinterest; Snapchat; TikTok; Twitter/X; Wikipedia; YouTube; Zalando VLOSE: Bing; Google Search. Per le piattaforme di dimensioni minori, sarà obbligatorio contrastare i contenuti illegali, l’incitamento all’odio e la disinformazione a partire dal 2024, a patto che la legislazione si riveli efficace.

Diffida della commissione quando afferma di agire per il tuo bene

L’articolo 36 del DSA può essere paragonato a un “cavallo di Troia”, in quanto permette alla Commissione europea di adottare “misure” adeguate contro la “disinformazione” in situazioni di “crisi”:

L’ambito di applicazione territoriale di tali ordini, finalizzati a contrastare i contenuti illeciti, dovrebbe essere definito con chiarezza in base al diritto dell’Unione o nazionale applicabile che autorizza l’emissione del provvedimento. Inoltre, non dovrebbe estendersi oltre ciò che è strettamente necessario per raggiungere i suoi obiettivi.

A questo proposito, l’autorità giudiziaria o amministrativa nazionale, che potrebbe essere l’autorità responsabile dell’applicazione della legge emittente, dovrebbe bilanciare gli obiettivi del decreto, conformemente alla sua base giuridica, con i diritti e gli interessi legittimi di tutte le parti terze parti che potrebbero essere danneggiate dal decreto. In particolare, vanno considerati i loro diritti fondamentali come stabilito nella Carta dei Diritti Fondamentali.

Nel contesto delle situazioni transfrontaliere, di norma, gli effetti del provvedimento dovrebbero rimanere circoscritti al territorio dello Stato membro in cui il provvedimento è stato emesso. Tuttavia, questa restrizione può essere superata qualora l’illegalità del contenuto emerga direttamente dal diritto dell’Unione o se l’autorità emittente determina che i diritti in questione abbiano una portata territoriale più ampia, in conformità con il diritto dell’Unione e il diritto internazionale, tenendo conto degli interessi della pratica diplomatica.

Estrapolando dall’intervento dei funzionari di Bruxelles, il passo sottolineato implica che l'”autorità emittente” debba semplicemente essere “convinta” che tali decreti siano validi oltre il “territorio dello Stato membro [in questione]”.

Un esempio pratico potrebbe essere il seguente: se un programma satirico o un’organizzazione mediatica riporta critiche poco favorevoli al governo di uno Stato dell’UE/SEE, allora la sola “convinzione” (da parte di chi, esattamente?) che questo sia “rischioso” può bastare. In tal caso, si potrebbe verificare la censura come conseguenza diretta.

L’evidenza che questa non sia una questione puramente ipotetica diviene chiara con una semplice occhiata al codice sorgente degli algoritmi di censura:

Oltre alla categoria eccessivamente vaga di “disinformazione” (misinformazione), che apre la porta a molteplici forme di abuso, le altre categorie di “disinformazione” utilizzate riflettono precisamente i principali ambiti su cui l’UE ha concentrato i suoi sforzi di “regolamentazione” dei contenuti online negli ultimi anni:

  • “disinformazione medica” in relazione alla pandemia di COVID-19
  • “informazioni della società civile” nel contesto delle questioni legate all’integrità elettorale
  • “disinformazione di crisi” correlata al conflitto in Ucraina

Recentemente, Robert Kogon del Brownstone Institute ha evidenziato questo con riferimento a Twitter/X:

Come Elon Musk e i suoi avvocati sanno senza dubbio, la versione finale del DSA include un “meccanismo di risposta alla crisi” (articolo 36) che è chiaramente allineato con la risposta ad hoc iniziale della Commissione europea alla crisi ucraina, richiedendo alle piattaforme di adozione misure speciali per mitigare la “disinformazione” legata alla crisi.

Se hai interesse a ottenere ulteriori informazioni per una consultazione autonoma, ti suggerisco di fare riferimento ai rapporti ufficiali archiviati qui, come quelli resi disponibili dalla Commissione europea.

I rapporti su questa piattaforma sono documenti che mostrano le azioni e i risultati dei firmatari del Codice di buone pratiche sulla disinformazione, un’iniziativa volontaria lanciata dalla Commissione europea per contrastare la diffusione di informazioni false e ingannevoli online. I rapporti coprono diversi aspetti, come la trasparenza, la responsabilità, l’empowerment degli utenti, la cooperazione con i verificatori dei fatti e la ricerca accademica. I rapporti sono pubblicati ogni sei mesi e sono disponibili per il download in formato PDF. Puoi trovare i rapporti più recenti per il 2023 [qui].

La Commissione Ue difende la sua visione distopica: un omaggio a Orwell

Věra Jourová, attualmente vicepresidente per “Valori e trasparenza”ha commentato questo in merito questa in primavera, esprimendo, tra le altre cose, quanto segue:

La cooperazione tra i firmatari e l’elevato numero di nuove organizzazioni disposte a firmare il nuovo codice di condotta dimostrano che esso è diventato uno strumento efficace e dinamico per combattere la disinformazione. Tuttavia, i progressi su questioni cruciali rimangono troppo lenti, soprattutto quando si tratta di affrontare la propaganda di guerra pro-Cremlino o l’accesso indipendente ai dati. Mentre ci prepariamo per le elezioni europee del 2024, invito le piattaforme a intensificare gli sforzi nella lotta contro la disinformazione e ad affrontare la manipolazione delle informazioni da parte della Russia, in tutti gli Stati membri e in tutte le lingue, grandi e piccole.

L’UE lascia poco spazio di manovra alle aziende tecnologiche. Quando Twitter/X si è ritirato dal codice di buone pratiche dell’UE sulla disinformazione alla fine di maggio, il commissario europeo per il mercato interno Thierry Breton ha dichiarato che Elon Musk aveva scelto la via del “confronto”. Lo stesso Breton è stato assertivo su Politico, sostenendo l’importanza di imporre la “volontà dello Stato e del popolo”.

Ci stiamo arrivando, ma non voglio commentare prima perché non voglio dire troppo. Ma lo offriamo, e sono contento che alcune piattaforme abbiano accettato la nostra proposta”, ha detto Breton dei controlli non vincolanti. “Io sono l’esecutore. Io rappresento la legge, che è la volontà dello Stato e del popolo”. “È volontario, quindi non stiamo costringendo nessuno ad aderire al codice di condotta sulla disinformazione”, ha detto Breton. “Ho appena ricordato (Musk e Twitter) che dal 25 agosto sarà un obbligo legale combattere la disinformazione”, in perfetto stile mafioso.

La distruzione della separazione dei poteri sotto il velo della legittimità

Ma chi detterà i parametri per identificare la disinformazione nell’area dell’UE/SEE a partire da oggi? Questo compito non sarà affidato a un organismo di regolamentazione indipendente oa tribunali imparziali. La decisione finale su ciò che costituirà disinformazione, non solo all’interno dell’UE ma anche in diverse giurisdizioni internazionali, sarà presa dalla Commissione europea. Pertanto, sarà l’esecutivo dell’UE stesso, guidato da Ursula von der Leyen, ad avere l’ultima parola, sollevando preoccupazioni riguardo al potere e ai possibili “conflitti di interesse” che potrebbero emergere. È degno di nota che questa stessa istituzione sia stata coinvolta nelle minacce al futuro economico dell’UE tramite le continue sanzioni contro la Russia e sia stata coinvolta nel Pfizergate, uno dei più grandi scandali di corruzione in 64 anni di storia.

Attualmente, è proprio questa istituzione che detiene il potere di censura su larga scala in Europa, basandosi sui documenti collegati sopra, in parte per auto-protezione. Il risultato è un crescente controllo e una limitazione dei diritti fondamentali che non si vedevano almeno dai giorni finali della Guerra Fredda. Nel compiere questo compito, come sottolineato da Věra Jourová, la Commissione avrà “poteri esecutivi simili a quelli dei procedimenti antitrust”, e “sarà istituito un meccanismo di cooperazione a livello dell’UE tra le autorità nazionali di regolamentazione e la Commissione”.

Derive totalitarie: l’area transatlantica oggi, il mondo domani

Purtroppo, nemmeno i paesi al di fuori dell’UE/SEE sfuggono a questa situazione angosciante. La mostruosità rappresentata dal DSA europeo non risparmia i non membri dell’UE/SEE. Questa legge sembra quasi una versione distorta del progetto di legge RESTRICT proposto dall’amministrazione Biden, come discusso approfonditamente qui. Come recentemente evidenziato da Matt Taibbi, questo progetto di legge sembra essere fondamentalmente un adempimento della “lista dei desideri delle élite transatlantiche” che “è stata in discussione per un certo tempo”. Questo è stato confermato anche durante un incontro all’Aspen Institute nel 2021:

I governi vogliono un accesso assoluto, completo e senza restrizioni a tutti i dati forniti da queste piattaforme. E poi vogliono alcune altre cose che sono davvero importanti. Vogliono avere l’autorità di intervenire e moderare, o almeno far parte del processo di moderazione. E vogliono anche che le persone di cui ci si fida siano “flaggers” [guardiani di blocchi online, nota], come descritto nel diritto europeo, hanno anche accesso a queste piattaforme. Questo si riferisce a organismi semi-governativi esterni che dicono a queste piattaforme cosa possono e non possono dire su cose come la sicurezza dei vaccini. Il Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (GDPR) non rappresenta l’unico esempio di regolamentazione dell’UE con un impatto globale. Recentemente, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha annunciato l’intenzione di adottare il passaporto digitale per i vaccini dell’UE in scadenza, stabilendolo come standard di riferimento a livello internazionale.

Indubbiamente, Washington sta seguendo un percorso parallelo all’UE nel contesto della censura digitale su vasta scala, sebbene affronti una società civile e una resistenza giuridica notevolmente più robuste.

Analogamente, questa situazione si rispecchia nel governo britannico, recentemente classificato nel terzo gruppo dell’indice di censura, posizionandosi dietro paesi come Cile, Giamaica e Israele, oltre che virtualmente tutti gli altri paesi dell’Europa occidentale. Questo giudizio è basato sull’“effetto dissuasivo” delle politiche governative, sulla sorveglianza delle forze di polizia e sull’intimidazione. Nel caso di Julian Assange, si aggiunge anche la questione della detenzione arbitraria di giornalisti.

Minacce serie per gli individui

Oltre ai comportamenti e agli avvisi intimidatori indirizzati ai social media e ad altre piattaforme digitali precedentemente menzionate, esiste un ulteriore pericolo che si estende alle applicazioni di messaggistica come WhatsApp o Signal. Attualmente, si stanno compiendo sforzi da parte di singoli e organizzazioni per mettere in discussione ciò che è noto come “crittografia P2P”, che riguarda la cifratura del contenuto delle comunicazioni.

Questo tema è stato evidenziato in un articolo pubblicato da Ars Technica nel febbraio di quest’anno. Il CEO di Signal, Meredith Whitaker, ha chiaramente sottolineato questo aspetto, facendo riferimento alle discussioni legislative che si stanno svolgendo presso la Camera dei Lord britannica:

Questo è un precedente che i regimi autoritari si aspettano che la Gran Bretagna indichi una democrazia liberale che è stata la prima a espandere la sorveglianza. Nelle parole dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, questa è una sorveglianza senza precedenti, che cambia il paradigma. E questo cambio di paradigma non è buono.

Ora, per trarre una conclusione, cediamo la parola a Nick Corbishly, scrittore, giornalista e autore del libro “Why Vaccine Passports Will Mean the End of Privacy and Personal Freedom” , il quale ha sintetizzato queste tendenze in un articolo esaustivo nel seguente modo:

Tutto questo è tanto oscuro quanto ironico. Dopotutto, una delle ragioni principali della posizione sempre più aggressiva dell’Occidente collettivo in altre parti del mondo, la cosiddetta “giungla”, come la chiama il capo diplomatico dell’UE Josep Borrell, è fermare la deriva verso l’autoritarismo guidata da Cina, Russia, Iran e altri rivali strategici che stanno invadendo il terreno economico dell’Occidente. Ma in patria (o, come direbbe Borrell, “in giardino”), l’Occidente collettivo, con la sua volontà incondizionata di censurare, sorvegliare e controllare, sta andando alla deriva ancora più velocemente in questa direzione.

Non è più una questione se questa UE possa essere soggetta a una “ulteriore” riforma o se ciò sia auspicabile o possibile in linea di principio. A questo punto, sembra più ragionevole considerare l’opzione di rivolgere le spalle a Bruxelles, e a Washington, prima che sia troppo tardi.

Credits: Foto di Gerd Altmann da Pixabay

•  •  •

Condividi:

Picture of Carmen Tortora

Carmen Tortora

Laureata in matematica con indirizzo applicativo in ambito tecnologico, ha conseguito una specializzazione in analisi tecnica dei mercati finanziari.
Ha approfondito i suoi interessi per la natura e la scienza studiando biologia, viticoltura e enologia.
Attualmente lavora come insegnante nella scuola pubblica e come redattrice per la webradio Radio28TV e per il giornale online CambiaMenti. È co-autrice del libro NEXT con Franco Fracassi, per cui cura una rubrica di economia, finanza e tecnologia.

Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedback
Vedi tutti i commenti

Articoli Correlati

Language

La Casa del Social Journalism

Contatti

Scrivi o invia un comunicato stampa alla redazione

Newsletter

Resta aggiornato ogni settimana sui nostri ultimi articoli e sulle notizie dal nostro circuito.